IMG-20190418-WA0047Auguri di Buona Pasqua

Le lezioni riprenderanno lunedì 29 aprile.

Annunci

Progetto Bridge. Il torneo

Un progetto ambizioso che ha portato questo gioco con le carte nelle aule scolastiche coinvolgendo gli alunni delle classi IV e V di tutte le scuole primarie dell’istituto comprensivo grazie alla disponibilità di Ruggiero Gargano che, lezione dopo lezione, ne ha presentato le regole fondamentali proponendo ai ragazzi nuove sfide per mettere alla prova la loro abilità.

Come indica il suo nome, il Bridge richiama quel “ponte” che si crea tra i compagni che giocano in coppia condividendo la partita. Diventa fondamentale per loro stabilire un rapporto di fiducia, conoscere abitudini, attitudini, comportamenti diversi dai propri per ottimizzare e armonizzare le caratteristiche reciproche. In questo modo il bridge sviluppa valori come la socializzazione, l’aggregazione, l’amicizia, la solidarietà e la collaborazione, ma anche la capacità di analisi e di sintesi, di deduzione logica e razionalità, abilità e competenze indispensabili per migliorare le capacità di pensiero. È uno sport per la mente. Impegna in continui ragionamenti migliorando le capacità di concentrazione; impone la scelta rapida di strategie e potenzia, essendo una condizione necessaria per lo svolgimento del gioco, la capacità mnemonica.

Tutte le componenti del gioco, sia teoriche che pratiche, hanno una base logica, matematica e statistica.

Gli alunni hanno partecipato con entusiasmo al progetto, appassionandosi al gioco e attendendo con impazienza l’esperto per la lezione settimanale. Ma anche genitori e insegnanti interessati hanno avuto l’opportunità di condividere l’esperienza dei ragazzi partecipando ad incontri a loro dedicati.

Il torneo finale

A conclusione del progetto giovedì 31 gennaio ha avuto luogo, presso la palestra della SSdPG di Villanova d’Asti, il torneo tra i ragazzi  delle diverse scuole con la preziosa collaborazione di alcuni rappresentanti della Federazione Italiana Bridge che hanno provveduto a curare la parte tecnica del gioco e a stilare le classifiche. Sul podio la classe V della scuola di Valfenera, la classe IV della scuola di Villanova Stazione e le classi IVA-IVB della scuola di Villanova, ma per tutti una medaglia come riconoscimento dell’impegno e della partecipazione. Le premiazioni sono avvenute alla presenza del sindaco di Villanova, Christian Giordano.

Clicca per visualizzare altre immagini dell’evento

Un evento significativo che apre ulteriori opportunità. Sono in programma altri incontri in orario extrascolastico per tutti i ragazzi che desiderano approfondire la conoscenza di questa disciplina.

 

Rugby

È iniziato il corso di rugby al mercoledì a Villanova presso la palestra della scuola Primaria dalle ore 16,30 alle 17,30. Chi è interessato può partecipare a una lezione di prova.

Contattare con mail come da volantino per info e iscrizioni.

CONCERTO DEGLI AUGURI

Mercoledì 19 dicembre alle ore 21 presso la Chiesa parrocchiale di San Martino di Villanova d’Asti si è tenuta la seconda edizione del Concerto degli Auguri, organizzato dalla Scuola Secondaria di I grado “Astesano” dell’Istituto Comprensivo di Villanova d’Asti, in occasione delle festività natalizie.

Alla presenza di un folto pubblico, accorso numeroso nonostante la nevicata che ha imbiancato il paese, circa 180 alunni delle classi prime, seconde e terze si sono alternati nell’esecuzione di brani strumentali e canzoni natalizie, con la partecipazione speciale della Junior Band, la sezione giovanile della Società Filarmonica Comunale diretta dal Maestro Giovanni Gamba, che, con la sua abilità ed il suo talento, ha dato un significativo apporto alla riuscita dell’evento.

Ospiti d’onore al Concerto anche diversi alunni delle classi quinte delle Scuole Primarie dell’IC e due alunni in rappresentanza dell’Associazione Musicale Intono, con la quale l’Istituto ha avviato una collaborazione per questo anno scolastico.

La preparazione del Concerto ha coinvolto in questi mesi non solo gli alunni, impegnati nello studio dei brani da suonare o cantare, ma tutto il team della scuola “Astesano”, il Dirigente con il suo staff, i docenti, il personale di segreteria e gli operatori scolastici, diffondendo passione ed entusiasmo sia nei locali scolastici che durante la serata.

Questa preziosa collaborazione si è concretizzata durante il concerto in un grande finale a sorpresa, con l’esecuzione di tre canzoni natalizie da parte di tutti gli alunni della Secondaria insieme ai compagni della Primaria e agli insegnanti e operatori scolastici presenti, che hanno formato un unico grande coro, segno tangibile della sinergia che contraddistingue l’Istituto Comprensivo di Villanova.

Clicca su questo LINK per visualizzare tutte le foto dell’evento

Il momento del Concerto di Natale rappresenta una bella tradizione da portare avanti con entusiasmo e impegno non solo perché celebra un momento particolarmente significativo dell’anno, ma anche perché offre una preziosa occasione di incontro, contatto e scambio con le famiglie degli alunni e l’intera cittadinanza e un’importante opportunità per gli studenti di mettere a frutto il talento e la predisposizione musicale personale.

Il successo dell’iniziativa, decretato dagli applausi e dal grande sostegno del pubblico presente (costituito dal Dirigente Scolastico con il personale della Scuola, dalle famiglie degli alunni, da ex-alunni, da diverse autorità cittadine che hanno accolto l’invito della scuola e da tanti simpatizzanti), è un chiaro segnale della presenza attiva della scuola sul territorio.

La risposta particolarmente positiva della comunità di Villanova costituisce per tutti coloro che operano nell’Istituto Comprensivo un ulteriore stimolo a costruire una rete sempre più fitta di rapporti e scambi con le realtà esterne, ma confinanti, con il mondo scolastico.

GLI ALUNNI DELL’IC RICORDANO LA GRANDE GUERRA

Due appuntamenti legati alla Storia per gli alunni del nostro Istituto, che ancora una volta sono usciti dalle mura scolastiche per immergersi nella vita di Villanova: domenica 4 novembre l’ormai consueto appuntamento con la commemorazione della fine della Prima Guerra Mondiale della quale ricorreva il sessantesimo anno.

In questa occasione gli alunni delle classi terze della Scuola Secondaria di I grado hanno partecipato alla S.Messa e, a seguire, in Piazza della Rimembranza, davanti al Monumento ai Caduti, hanno proposto spunti di riflessione sul tema della guerra e dei diritti dell’uomo, intervallati dalla canzone La guerra di Piero ed hanno intonato, insieme agli alunni della Scuola Primaria, anch’essi coinvolti nella manifestazione, La canzone del Piave e l’Inno di Mameli sulle note della Filarmonica Comunale diretta dal Maestro Giovanni Gamba.

Sabato 1° dicembre, invece, su invito del Comune e della Biblioteca di Villanova, gli alunni delle seconde e terze della Secondaria hanno partecipato alla presentazione del libro di Maurizio Lanza, “Eroi della Grande Guerra”, dedicato ai decorati astigiani della Prima Guerra Mondiale.

L’incontro, tenutosi presso l’ex confraternita dei Batu e organizzato e condotto dall’ing. Francesca Arlotta, Assessore alla Cultura del Comune di Villanova, ha visto la partecipazione dei parenti dei decorati villanovesi; i nostri alunni, piuttosto numerosi, hanno letto alcune pagine del libro e cantato La canzone del Piave e La guerra di Piero, raccogliendo applausi e ringraziamenti per aver contribuito a rendere suggestivo l’evento, molto partecipato dalla cittadinanza di Villanova.

RAGAZZI DI OGGI… tra speranze e fragilità

13 novembre 2018 IC di Villanova d’Asti.

Incontro formativo per genitori e docenti con Don Domenico Cravero Parroco della diocesi di Torino, psicologo, psicoterapeuta, sociologo e scrittore

Adolescenza età del dramma… età della speranza: chi ha a che fare con i ragazzi lo sa bene. Molti sono gli interrogativi: come stanno crescendo questi ragazzi? Cosa sta accadendo nei loro mondi? Come accostarsi alla loro vita, dal momento che spesso appaiono scostanti e poco interessati alla comunicazione? Sicuramente sono al centro di tensioni e contraddizioni che influenzano la percezione della propria identità e le relazioni, ma le nuove generazioni sono da sempre degli innovatori. Con la loro capacità di flessibilità e di adattamento sono capaci, ancor più degli adulti, a vivere in una società complessa come quella attuale.

I ragazzi subiscono una forte pressione di carattere commerciale, per la prima volta consumatori autonomi, quindi clienti particolarmente ambiti di un mercato a volte aggressivo e competitivo. È facile rimanere condizionati e provare un senso di inadeguatezza se fuori dalla tendenza del momento.

Un altro aspetto prevalente è l’utilizzo massiccio dei nuovi media come strumento di conoscenza e di relazione, il loro vivere sempre collegati (wired) può compromettere la capacità comunicare ed entrare in empatia con gli altri.

Ci sono anche molte sorprese che vanno oltre i consueti luoghi comuni. Ad esempio ritorna fortemente tra i giovani il valore dell’amicizia. Non amano i leader, se non quando la socializzazione si è già guastata e dà origine a fenomeni come le bande e il bullismo. Preferiscono il confronto aperto tra pari.

La scuola, in collaborazione con la famiglia, gioca un ruolo determinante per sviluppare le loro potenzialità e la creatività. Hanno bisogno di essere riconosciuti nei loro talenti per crescere e superare le contraddizioni dell’adolescenza e le sue fragilità e per organizzare e costruire le loro speranze.

Dobbiamo credere nei ragazzi, ha ribadito Don Cravero, e offrire loro un motivo per essere grandi.

IO LEGGO PERCHÉ

noi ci siamo iscritti

In occasione della settimana nazionale della lettura l’Istituto Comprensivo di Villanova d’Asti partecipa al progetto

IO LEGGO PERCHÉ

Da sabato 20 OTTOBRE a domenica 28 OTTOBRE 2018 le famiglie degli alunni potranno donare uno o più libri alla scuola acquistandoli nella libreria associata.
In seguito, la libreria aumenterà la donazione totale in proporzione al successo dell’iniziativa.
È possibile acquistare i libri direttamente a scuola presso la Biblioteca dell’Istituto
in orario scolastico da lunedì 22/10 a venerdì 26/10 e nel pomeriggio di giovedì 18 ottobre
in occasione delle elezioni dei rappresentanti.

Libreria gemellata con l’Istituto:
LIBRERIA ALBERI D’ACQUA – ASTI (AT)
Via Gioacchino Rossini 1 (angolo Corso Alfieri), Asti

 

IL BILINGUISMO AD ALTA VOCE: APPROCCIO AL BILINGUISMO ATTRAVERSO LO STORYTELLING

11 ottobre 2018 IC di Villanova d’Asti.

Incontro formativo per genitori e docenti con la dott.ssa Alessandra   Golino Insegnante qualificata metodo “English is fun” e “Kindermusik” 

Il bilinguismo è la capacità di parlare e comprendere due lingue differenti. Per alcuni una grande opportunità, per altri un ostacolo allo sviluppo del linguaggio: temono che crei confusione e disturbi dell’apprendimento soprattutto nei bambini in età scolare. La dott.ssa Golino ci aiuta a fare chiarezza, sfatando i falsi miti, e illustrando tutti i vantaggi del bilinguismo infantile.

Per prima cosa, il cervello del bambino si sviluppa seguendo due canali linguistici contemporaneamente e questo gli garantisce maggiore flessibilità. I bambini bilingui tendono a essere più aperti verso le novità, abili a cogliere le differenze e più creativi. Imparano molto presto che il mondo può essere raccontato con codici diversi e che dunque le differenze sono qualcosa di positivo.

L’età migliore per apprendere

Meglio iniziare da molto piccoli, tra i 3 e i 7 anni, l’apprendimento della lingua avviene in modo intuitivo e spontaneo.

Per i piccolini è un gioco

Il gioco. Tutto e sempre deve passare attraverso il gioco, senza forzature. Giocare con la lingua permetterà alle mamme e ai papà di esplorare nuovi canali di comunicazione con i propri bambini, permetterà di ritagliarsi uno spazio tutto per loro, sia in casa che fuori casa, approfittando semplicemente anche di brevi percorsi da casa a scuola o facendo la spesa al supermercato.  Campo libero a giochi di ruolo, di movimento, filastrocche e canzoni. Indispensabili la quotidianità e la costanza, l’interazione e la ripetitività.

I libri e la musica.

Fondamentali, oltre ad arricchire la lingua, sono meravigliosi di per sé. Imparare ad amare i libri e la musica è una ricchezza che resterà ai figli per tutta la vita. 

d32abcb16cf9563dc14fe6928c9f33c4

Ma soprattutto è importante scegliere in base all’età, ai gusti, agli stili di vita.
Trovare gli strumenti adatti è essenziale, devono divertire e sorprendere ogni volta, solo così la lingua diventa momento di gioia e condivisione. E quando ci si diverte insieme tutto è più facile, allegro e positivo. È necessario essere sempre molto sereni. L’apprendimento della lingua passa attraverso l’affettività: se ci sono rigidità o preoccupazioni i piccoli ne risentono.

I viaggi

Sono importanti soprattutto se il bambino riesce a condividere momenti abbastanza lunghi con persone del posto. L’interazione con altri bambini o adulti che parlano la lingua è molto utile. La lingua deve essere il più possibile vissuta, non una cosa che esiste solo dentro casa.

In conclusione vale la pena ricordare che al di là del livello di conoscenza delle lingue raggiunto dal bambino, il dono più importante è l’impostazione mentale di apertura, accettazione e tolleranza, che è strettamente collegato con il bilinguismo. E questo è forse il dono più prezioso che possiamo fargli.

GIOVANI…SSIMI IN PIAZZA PER LA SCIENZA

Villanova d’Asti 28 settembre 2018.
In occasione della Notte dei Ricercatori che coinvolge ogni anno migliaia di ricercatori e istituti di ricerca in tutti i Paesi europei, in Piazza Alfieri ha avuto luogo la prima edizione di «Giovani…ssimi in piazza per la scienza», un’iniziativa realizzata con il patrocinio del Comune, il contributo dei commercianti di Villanova e la partecipazione dell’Istituto Artom di Asti.
notte-europea-dei-ricercatori-scarica-la-locandina
L’obiettivo è stato creare un’occasione di incontro per diffondere la cultura scientifica e la conoscenza delle professioni della ricerca in un contesto informale e stimolante, oltre che suggestivo, dedicata al dialogo e all’incontro tra la comunità scientifica e il grande pubblico. Una notte di esperimenti, esplorazioni, visite, convegni: la “nostra” Notte dei ricercatori. Con un programma ricchissimo di Scienza alla portata di tutti, per essere capita, condivisa, partecipata.
In apertura, nello spazio teatro all’aperto, conferenza con l’intervento di cinque giovani ricercatori o laureandi in discipline scientifiche:
Luca Calcagno Dott. Naturalista – Laureato in Biologia dell’ambiente, docente di Scienze presso lo Juventus College di Torino. Ha presentato le varie modalità con cui le associazioni locali possono fare ricerca e possono contribuire alla conoscenza di diversi gruppi di animali, uccelli, insetti, farfalle, allo scopo di conservare al meglio la biodiversità presente sul territorio.
Silvia Dogliotti e Alessio La Tona Laureandi in Medicina
Federico Cataldi Perito Informatico System Administrator e IT Service manager
Simona Avataneo Dott.ssa in Scienze Zootecniche.

A seguire, la conferenza di un ospite speciale, il prof. Giovanni Onore della Fondazione Otonga, con un intervento sulla Biodiversità e sul Progetto per la Difesa della Foresta Amazzonica.

Pronti a trasformarsi in scienziati!
Nella seconda parte della serata sono stati i più giovani a interagire con i visitatori, protagonisti dei laboratori interattivi presso i diversi stand, per scoprire quanta scienza e quanta tecnologia si nasconde nella vita di tutti i giorni:
“Banchetti sotto gli archi dei portici”, esperimenti scientifici proposti dagli alunni e dagli insegnanti della Primaria, della Secondaria di primo grado dell’I.C. di Villanova d’Asti e dell’I.T.I.S. Artom di Asti. Possibilità di acquistare alberelli del Vivaio regionale di Albano vercellese.
Dal galleggiamento alle soluzioni, dalla fisica alla chimica passando anche per la cucina, dalle magie dell’acqua a quelle dell’aria, dalle macchine alla tecnologia, dalla musica all’arte…
Scienza da comunicare, da giocare, da provare e tanto altro: ce n’è stata per tutti i gusti e per tutte le età per trasformare tutti in ricercatori, almeno per una notte.

Il segreto di bellezza dell’arte? E’ nascosto nella Scienza!
Le esperienze condotte dai ragazzi durante la Notte dei Ricercatori hanno mostrato al pubblico che anche dietro a espressioni artistiche come la Musica e la Pittura si “nasconda” una sovrastruttura rigorosamente matematico-scientifica.
Gli esperimenti guidati della Prof.ssa Ruffinengo, insegnante di Musica e la camera ottica costruita dagli alunni della SSdPG sotto la supervisione della Prof.ssa Schifilliti di Arte e Immagine hanno spiegato come le leggi fisiche dell’acustica e dell’ottica regolino fenomeni uditivi e visivi che all’apparenza possono destare stupore.
Gli alunni con serietà ed entusiasmo hanno svelato i segreti scientifici delle figure concentriche disegnate con la sabbia dal canto di una melodia che suscitano meraviglia e delle immagini reali che si osservano sul foglio di carta lucida posta a chiusura di una scatola oscurata.
Alcuni ragazzi e ragazze delle classi IIIB e IIIC hanno rivelato come una melodia, prodotta da un altoparlante o dalla stessa loro voce, sia un’emissione di onde sonore di frequenza diversa che perturba l’aria circostante con un’energia in grado di muovere particelle delle dimensioni della sabbia e disporle secondo figure geometriche regolari. Altri alunni e alunne delle classi IIIA, IIIB e IIIC hanno spiegato come un attento studio di raggi incidenti e riflessi ottenuto con l’aiuto di specchi e una corretta corrispondenza di angoli, all’interno di una scatola oscurata, consenta di avere una visione oggettiva della realtà tale da permetterne la riproduzione.

Le insegnanti Arte Musica e Scienze!!

SCIENZA PER INVESTIGATORI
Sulla scena di un delitto appena consumato arrivano i RIS e raccolgono tutte le possibili tracce che possano permettere di identificare l’assassino. I sospettati sono 4 ma i nostri investigatori non si perdono d’animo e grazie alla caratterizzazione del gruppo sanguigno della traccia ematica lasciata sul corpo della vittima, scoprono il colpevole!! Una storia giallo-nera è il pretesto per spiegare al pubblico come si caratterizzano i gruppi sanguigni umani e la loro importanza in numerosi settori scientifici (alunni della IIIB e IIIC SSdPG).

BATTERIE STORICHE E FATTE IN CASA
Gli alunni della IIIB e IIIC SSdPG, con l’aiuto di Gianluca Ronco della ID, spiegano come funziona una batteria. Costruiscono un modello della pila di Volta ma vanno oltre. Con qualche limone in serie, mostrano come sia possibile, grazie ad alcune reazioni chimiche, avere una batteria fatta in casa che riesce ad accendere un led!

Si ringraziano
gli alunni, che si sono impegnati con entusiasmo, senso di responsabilità
e correttezza;
i docenti, che hanno ideato e coordinato gli allestimenti e le attività in tutti i
dettagli, oltre a impegnarsi nel coinvolgimento attivo di alunni, famiglie e territorio; l’Associazione Frascati Scienza, che ha permesso al nostro Istituto di divulgare
l’iniziativa a livello nazionale;
il Professor Onore (Presidente della Fondazione Otonga), che è intervenuto a
favore dell’ambiente approfondendo con i partecipanti importanti tematiche di
ordine mondiale;
gli esperti (laureati e laureandi), che hanno condiviso le loro esperienze di studio
e di ricerca con ragazzi e alunni contribuendo alla riflessione sul proprio futuro e
sull’importanza di essere cittadini attivi e protagonisti;
l’Istituto Artom di Asti, che ha presentato i possibili percorsi nella scuola
superiore in campo tecnico-scientifico mettendo a disposizione risorse materiali e
competenze esperienziali di alto livello, favorendo l’orientamento scolastico degli
alunni del nostro Istituto;
i genitori, che hanno partecipato dando valore al lavoro svolto dai ragazzi in ambito scolastico l’Amministrazione Comunale, che ha patrocinato la manifestazione e ha dato la disponibilità e il supporto, condividendo l’importante valenza educativa dell’iniziativa e vigilando a tutela della sicurezza dei partecipanti;
i Commercianti e la ProLoco di Villanova d’Asti, che hanno contribuito fattivamente all’allestimento della piazza che ha ospitato la manifestazione rendendo disponibili arredi e manodopera;
la Vama s.n.c. di Vaudano Luciano, che prontamente ha reso luminosa tutta l’area
interessata dalla manifestazione.